LA VITA INVISIBILE
DI EURÍDICE GUSMÃO

Brigitta Loconte

Miglior Film nella sezione Un Certain Regard di Cannes 72, il film di Karim Aïnouz è un melodramma poetico che accosta alla forza della narrazione un universo di simboli e riflessi capaci di donare intima complessità a un racconto politico sull'emancipazione dai codici patriarcali.

THE RIDER

Filippo Tentori

L’anti-western di Chloé Zhao si immerge nella psiche di chi metabolizza il trauma cogliendone la tensione lacerante, lo spaesamento e la ricerca di un’identità difforme da quella socialmente imposta.

IL COLPO DEL CANE

Lea Pedri Stocco

Tra stravaganza e realtà il regista Fulvio Risuleo condensa riflessioni in uno scenario dove nulla è definito, come la stessa natura del film. Inseguimenti, drammi e misteri si affiancano alla bizzarria dei personaggi che stimolano fin dal primo minuto una sospesa curiosità.

LOVE ME TENDER

Brigitta Loconte

Il nuovo film di Klaudia Raynicke, presentato al Locarno Film Festival nella sezione Cineasti del presente, è un racconto di liberazione al femminile dai codici patriarcali che infiltrano la realtà, aperto all'intimità e all'astrazione.

LA MAFIA NON È PIÙ
QUELLA DI UNA VOLTA

Marco Longo

Premiato alla Mostra del Cinema di Venezia, il nuovo film di Franco Maresco è un ideale secondo atto del precedente Belluscone, compiendo per rovesciamento una dissacrante indagine sulle incongruenze antropologiche della società palermitana; al suo fianco, la militanza artistica e umana della fotografa Letizia Battaglia.

VOX LUX

Daniela Persico

Rivelando una costruzione formale che condensa un racconto distopico del nostro presente, il secondo film di Brady Corbet attraversa il pop contemporaneo per tentare di fare i conti con il faustiano smarrimento della società occidentale.

MADEMOISELLE

Emiliano Dal Toso

Con una magistrale lezione sull'ambiguità dell'eros e recuperando le chiavi di lettura dei suoi film più celebri, Park Chan-Wook aggiunge un ulteriore tassello a un mosaico dietro alla cui folgorante bellezza si cela il racconto di anime mai riconciliate.

VENEZIA 76:
ATLANTIS

Leonardo Strano

Complesso e commovente itinerario formale sullo sfondo di una distopia post-bellica, Atlantis di Valentyn Vasyanovych è una meditazione sulla riappropriazione del senso e dello sguardo dell'uomo sulla vita.

VENEZIA 76:
ABOUT
ENDLESSNESS

Marco Longo

Roy Andersson torna alla Mostra del Cinema con un film che riprende il dispositivo estetico delle sue opere precedenti, per ribadire l'indagine sull'incomunicabilità umana e l'impossibilità di liberarsene.

VENEZIA 76:
MARTIN EDEN

Alessandro Stellino

Con la trasposizione cinematografica del romanzo di Jack London, Pietro Marcello realizza uno dei film più importanti del cinema italiano degli ultimi anni e si candida a un posto nel palmares di questa edizione della Mostra del Cinema di Venezia.