ISREAL 2019:
UNA FIABA NOIR

Stefano Careddu

Una conversazione con Micol Roubini, in occasione dell'anteprima italiana di La strada per le montagne a IsReal: uno spunto familiare diventa occasione per un film che riflette sulla dimensione del racconto e sul rapporto con il reale.

ISREAL 2019:
KABUL, UN RITRATTO UMANO

Lea Pedri Stocco, Arianna Vietina

Intervista a Aboozar Amini, in concorso a IsReal col suo primo lungo documentario Kabul, City in the Wind: un film che è un ritorno al natio Afghanistan per trascendere la rappresentazione della capitale che i media hanno costruito negli ultimi anni.

ISREAL 2019:
IMPREVEDIBILE FUORICAMPO

Andrea Sanarelli, Marta Innocenti

Intervista a Yalda Afsah, vincitrice della quarta edizione di IsReal. Attraverso un linguaggio poetico e un'estetica surreale, il suo cortometraggio Tourneur conduce a una dimensione rituale e inaugura una trilogia sul rapporto ancestrale tra uomo e animale.

LOVERS FF:
LIBERA VITA

Mario Blaconà

Il nuovo film di Tonino De Bernardi usa la sua genuinità come veicolo per abbattere ogni formalismo coatto, promuovendo un autentico amore per i suoi soggetti e un'idea diversa di mondo.

LOVERS FF:
PARADOSSI
DI GENERE

Clio Nicastro

Dopo la presentazione alla Berlinale, Normal di Adele Tulli sarà presentato in anteprima al Lovers Film Festival di Torino: il film è il frutto di una ricerca sui gesti quotidiani che modellano la definizione del genere. Intervista con l’autrice.

CINÉMA DU RÉEL:
MEMORIA PRESENTE

Brigitta Loconte

Con La strada per le montagne, in concorso alla 41ª edizione del Cinéma du réel, Micol Roubini si serve di un ricercato commentario per dare consistenza all’impalpabile oblio memoriale di Jamna, un villaggio ucraino da cui arriva la sua famiglia.

LONTANO DAL PARADISO

Laura D’Angeli

Shelter: Farewell to Eden, terzo documentario di Enrico Masi, appena presentato al Cinéma du Réel di Parigi e a CPH: DOX, lancia nella storia della transessuale filippina Pepsi un grido di allarme nei confronti di un'Europa sorda al grido di tanti rifugiati.

PER UN CINEMA PARTECIPATIVO

Clio Nicastro

Presentati in sezioni parallele della Berlinale, Selfie di Agostino Ferrente e Nos défaites di Jean-Gabriel Périot si interrogano sulla possibilità di un cinema condiviso, che nasca da un laboratorio d’idee per una nuova società.

AI LIMITI DELLA RAPPRESENTAZIONE

Daniela Persico

Con Roi Soleil Albert Serra allestisce una performance in una galleria d'arte in cui reiterare per alcune settimane l'agonia di Luigi XIV, interpretato dal suo attore feticcio, Lluís Serrat: ne nasce un film unico, uno studio sulla performance attoriale, da sempre perno dell'elaborata riflessione artistica del regista catalano.

IN LIBERO
ESILIO

Giona A. Nazzaro

Premiato con l'Orso d'oro all'ultimo Festival di Berlino, Synonymes di Nadav Lapid è un film radicale sulla nozione di alterità ed esilio, che rivendica con furore il diritto di asilo a un paese che non esiste, se non come insieme di desideri e possibilità: il cinema.