Template by Pixartprinting

Yvonnes di Tommaso Perfetti a Milano

Dopo le serate dedicate a Surbiles di Giovanni Columbu e Jeannette di Bruno Dumont, continua con l’anteprima milanese di Yvonnes di Tommaso Perfetti, vincitore del Prix du Jury George Moyen Metrage Le Plus Innovant a Vision du Réel di Nyon, la collaborazione tra Filmidee e Anteo Palazzo del Cinema, per un ciclo di proiezioni in cui si intrecciano percorsi tra classici dimenticati della storia del cinema e i film più innovativi degli autori contemporanei.

Un’occasione unica per scoprire un ritratto di un’altra faccia di Milano, attraverso la storia di Vincenzo, in un film che spinge i confini del documentario verso la finzione, grazie allo scambio tra il giovane regista e il suo protagonista. Struggente e concreto, come la materia di cui sono fatte le illusioni.

Tommaso Perfetti, e tutta la troupe che ha partecipato al film, sarà presente venerdì 27 aprile alle ore 21.30 all’Anteo Palazzo del Cinema. La proiezione sarà accompagnata da Daniela Persico.

 

SINOSSI

Vincenzo ha sempre condotto un’esistenza ai margini. Ora ha 42 anni e non vede sua figlia da molto tempo. Prende un treno per andare a trovarla, senza sapere se sarà il benvenuto. Il tempo del viaggio è senza una conclusione apparente, come la sua vita,dove tutto è mescolato nel caos delle sue azioni, conseguenza di una vita di sballi e di scelte sbagliate. E’ un tempo non lineare, con strappi che ricalcano l’energia del protagonista, più mentale che reale. Il montaggio comanda. Un solo personaggio e poche figure di contorno. E’ una cronaca documentaria, ma nella sua trama frenetica è presente la lezione di cinema dei fratelli Dardenne. Un personaggio al centro delle inquadrature che ci guida nel suo inferno. Il risultato è amaro, quasi una vertigine allucinatoria. Un film scolpito nei mali della vita. (Luciano Barisone, Visions Du réel 2017)

DICHIARAZIONE DEL REGISTA

“Questo film è nato come lavoro di osservazione. Ho incontrato Vincenzo, il protagonista, alcuni anni fa, era da poco uscito di prigione. Forse io stavo cercando lui o forse lui stava cercando me. Mi ha colpito il suo essere diverso dalle persone del suo mondo, soprattutto per un’intelligenza e una finezza di spirito che lo rendevano capace di vedere quell’ambiente dall’esterno. Aveva una maschera efficacissima, per la vita e per la scena. Abbiamo cominciato a raccontare il suo mondo recitandolo, ma la sua maschera si dissolveva solo quando pronunciava il nome di sua figlia: Yvonnes. Lontana e quasi perduta.

Vincenzo è un padre. Quando sua figlia era molto piccola, in una situazione difficile e spinto dalla sua esuberanza giovanile e dal desiderio di libertà, l’ha lasciata insieme alla madre. Sconfitto poi dai compromessi familiari, ha smesso di curarsene. Ora sua figlia è una ragazza, adulta e indipendente, e lui vive nel dolore e nel rimpianto per un legame ormai troppo compromesso. Voleva riprendersi sua figlia ma per farlo avrebbe dovuto cambiare e tutti sappiamo quanto possa essere difficile rimettersi in gioco e provare a superare i propri limiti. In special modo per chi come lui vive ai margini della società.

Mi interessava dare forma a questo dolore, toccarlo, sentirne l’umanità, dare una forma alle paure, allo smarrimento che provoca negli uomini l’esistenza di un legame così forte e straziante. In quel momento anche io stavo diventando padre”.

BIOGRAFIA DEL REGISTA

Tommaso Perfetti si occupa di progettazione e produzione audiovisiva. Dal 2013 fa parte del collettivo Enece film. Ha curato insieme a Pietro de Tilla e Elvio Manuzzi la regia del documentario “Il turno” (Visions du Réel, Trento Film Festival, Milano Film Festival), del lungometraggio “Unità di Produzione Musicale” (Biografilm Festival, In-Edit Barcellona, Filmmaker Festival) ed insieme a Giulia La Marca del cortometraggio “2036” (Pravo Ljudski Film Festival).

È coautore del soggetto e produttore del corto d’animazione di Giulia Landi “Limites” (Trento Film Festival, Festival International du Film d’Animation de Paris, Lisbon International Film Festival – winner best animation, TMC London Film Festival – winner best animation, Ficma Barcellona – winner best short); Yvonnes, il suo primo film documentario, ha vinto il premio della giuria a Visions Du Réel 2017.

CREDITI YVONNES

regia: Tommaso Perfetti
con Vincenzo VIto Iorio
Soggetto: Tommaso Perfetti, Vincenzo Vito Iorio, Giulia La Marca
Montaggio: Chiara Tognoli, Guglielmo Trupia
Produzione creativa: Adriana Ferrarese
Fotografia: Tommaso Perfetti
Suono: Giulia La Marca (Montaggio e presa diretta), Tommaso Barbaro (Montaggio), Massimo
Mariani (Montaggio e Mix Audio 5.1)

Il prezzo del biglietto è di 9€. Iscriviti alla newsletter di filmidee.it: stampando o mostrando dal cellulare la nostra newsletter relativa al film (che manderemo lunedì 23 aprile) avrai diritto al biglietto ridotto a 7 €.

 

Data

27 Apr 2018

Ora

09:30 PM - 11:00 PM
Categoria
Cinemaisdead

Newsletter


FOLLOW US