PHANTOM THREAD

Marco Longo

Coerentemente ai lavori più recenti, l'ultimo film di Paul Thomas Anderson sembra dare spazio, e corpo, alla vocazione sintetica dell'immagine verso l'ottuso, che "insterilisce" la ricerca dei significati e "intorbida" il metalinguaggio, cioè la critica stessa.

EX LIBRIS

Claudio Panella

Con Ex Libris: The New York Public Library, presentato in Concorso a Venezia 74, l’ottantasettenne Frederick Wiseman prosegue il suo esame delle pratiche e delle strutture pubblico-private che puntellano la democrazia statunitense.

MOLLY’S GAME

Emiliano Dal Toso

Aaron Sorkin si conferma il solito, funambolico, prestigiatore di parole e di dialoghi brillanti, capaci di dare il ritmo al racconto, ma come regista non ha il coraggio di svincolarsi dalle scelte più convenzionali del prodotto medio di consumo.

I, TONYA

Silvia Nugara

Il film di Craig Gillespie dedicato alla controversa Tonya Harding traccia con ironia grottesca la parabola di un’antieroina in rotta di collisione con le norme di genere classiste del pattinaggio artistico, le stesse che premiano una femminilità interprete dei valori a stelle e strisce e ipocrita nel mascherare l’irruenza necessaria per vincere.

VISAGES VILLAGES

Luca Peretti

Nell'ultimo, bellissimo film di Agnès Varda l'incontro della regista con l'artista JR muove il diritto che il cinema ha di riprendersi la vita che la tecnologia gli ha sottratto, e prova di nuovo a fermare la morte, morte dei paesini, di un mondo che non c’è più, della stessa idea di cinema, perduta e ritrovata.

GABRIEL AND
THE MOUNTAIN

Lara Casirati

Il secondo lungometraggio di finzione di Fellipe Barbosa, presentato nel 2017 alla Semaine de la Critique di Cannes, conferma l'attitudine del regista brasiliano a cogliere nell'immediato l'intima natura di una commedia umana in continuo divenire, senza alcuna necessità di designare eroi o antieroi.

I SEGRETI
DI WIND RIVER

Erasmo De Meo

Il confine, interiore prima ancora che geografico, una volta valicato rende la realtà irriconoscibile: l’ultimo atto della trilogia di Taylor Sheridan porta gli Stati Uniti ed il mito americano sull’orlo del precipizio.

20TH CENTURY WOMEN

Francesco Grieco

L’ultimo film di Mike Mills ne conferma la sensibilità di autore umanista, vicino ai suoi personaggi, capace di reinventare con precisione l’intreccio tra le vicende dei protagonisti e il contesto storico-sociale di riferimento.

CHARLEY THOMPSON

Carlotta Centonze

Nell'ultimo film di Andrew Haigh, il senso del tragico si apre al banale di ogni giorno, al riparo da sentimentalismi e sfarzi emotivi, arrivando a raggiungere il cuore pulsante e rabbioso di una nazione, gli Stati Uniti, al suo tramonto morale ed economico.

LA CASA SUL MARE

Marco Longo

L'ultimo film di Robert Guédiguian, presentato in concorso a Venezia 2017, declina una storia umana e un'idea di cinema in aperta collisione con la contemporaneità: quando la sopravvivenza sembra la migliore delle ipotesi, la vita richiama ai valori di lotte perdute.