TORINO 37:
SPACE DOGS

Alessandro Stellino

Presentato al Locarno Film Festival e ora a Torino nella sezione TFFdoc, Space Dogs, di Elsa Kremser e Levin Peter, rovescia il canone antropocentrico pedinando un branco di cani randagi nei sobborghi di Mosca, dando vita a un film che si pone il problema di una nuova maniera di osservare e raccontare.

TORINO 37:
143 RUE DU DÉSERT

Mario Blaconà

Presentato al Locarno Film Festival e ora a Torino nella sezione Tff Doc, 143 Rue du Désert, opera prima di Hassen Ferhani, si spinge alla periferia del mondo per sconfiggere la minaccia della superficialità e per arrivare al centro delle storie che racconta.

UN MESTIERE INVISIBILE

Carlotta Centonze

Intervista a Maria Letizia Gatti, fondatrice della casa di distribuzione Reading Bloom, oggi una garanzia di qualità per la sua offerta filmica sovversivamente ai margini e in grado di dialogare con il pubblico e gli autori che accompagna. Abbiamo discusso con Letizia di come oggi il lavoro del distributore sia essenziale per portare avanti un'idea di cinema resistenziale e di incontro.

L’UFFICIALE E LA SPIA

Marco Longo

Il nuovo film di Roman Polanski è un monito contro la manipolazione dei fatti e l'ingranaggio del potere che li organizza a proprio vantaggio, e mostra la possibilità insita nel cinema stesso, così simile a un inganno che denuncia a sua volta una falsificazione, di contribuire a un montaggio più complesso della Storia, attraverso la responsabilità del singolo.

POPOLI 60:
UN UOMO DEVE
ESSERE FORTE

Carlotta Centonze

Costruendo un racconto intimo che intende abbattere la nebbia dell’omertà, spesso sinonimo di marginalizzazione, il film di Ilaria Ciavattini e Elsi Perino accompagna con commozione il processo di transizione di genere del suo giovane protagonista.

THE IRISHMAN

Emanuele Sacchi

Film con i gangster e non di gangster, l'ultimo lavoro di Martin Scorsese testimonia la trasformazione del cinema e il rimpianto disilluso per ciò che avrebbe potuto essere. Una storia di oggi e sull’oggi, in cui il passato mitico è il paradigma che ci permette di misurare la distanza tra quel che eravamo e quel che siamo.

PARASITE

Mario Blaconà

Partendo da una premessa quasi commediale, in Parasite Bong Joon-ho racconta il livore e la frustrazione repressa del sottoproletariato contemporaneo, ingannato dalla promessa inattendibile di un benessere diffuso.

POPOLI 60:
THEODOR

Davide Perego

Maria Boldrin mostra come girare un film insieme a un bambino, in un'opera neodidattica dagli esiti toccanti e inaspettati, presentata con successo in Concorso internazionale al Festival dei Popoli.

POPOLI 60:
IL PASSO DELL’ACQUA

Davide Perego

Nel suo documentario in Concorso italiano al Festival dei Popoli, Antonio Di Biase osserva il lento cedimento di un mondo antico, che scorre silenzioso fino al mare: un film che omaggia il grande cinema di stampo naturalistico, e al contempo aggiorna le sue scelte di campo.

POPOLI 60:
CAMPO

Alberto Diana

Il nuovo lungometraggio di Tiago Hespanha, in concorso alla 60ª edizione del Festival dei Popoli, porta lo spettatore a confrontarsi con un cinema dove il reale dialoga con la dimensione del mito e in cui ancora una volta è la relazione straniante con un luogo a dar vita al racconto e ai grandi interrogativi sulla natura dell'essere umano.