CANNES 72:
LIBERTÉ, LA NUIT

Daniela Persico, Francesca Monti

Il geniale Albert Serra sconvolge Cannes con un'opera folle e irriverente, erotica e carnale come solo un autore della sua levatura poteva concepire. Assurdo che non sia stata inclusa in concorso, dove fa capolino Ken Loach, alle prese con la truffa delle start up.

CANNES 72:
LO SPIRITO
DELL’AMORE PERDUTO

Daniela Persico, Dario Gigante

Un realismo seducente segna l’esordio nella finzione dell’attrice e documentarista Mati Diop, in concorso con Atlantique. Sotto il segno dell'autofiction, Dolor y gloria di Almodóvar è un toccante atto di fede nell'arte e nella memoria.

CANNES 72:
OCCHI SENZA SGUARDO

Daniela Persico, Alessandro Stellino

Ancora zombi a Cannes: dopo Jarmusch e Mati Diop stavolta tocca a Bonello con Zombi Child, presentato alla Quinzaine. Fuori concorso, Patricio Guzmán completa la sua trilogia documentaria sulla dittatura cilena con La Cordillera de los sueños.

CANNES 72:
FILMARE IL VOLTO DEL POTERE

Alessandro Stellino, Emanuele Sacchi

Con On va tout péter Lech Kowalski porta alla Quinzaine la cronaca appassionata dell’occupazione di una fabbrica francese; in Concorso colpisce, pur negli eccessi, l'estro di Kleber Mendonça Filho, ancora alle prese col sottotesto politico brasiliano.

CANNES 72:
ONLY DEAD
LEFT ALIVE

Alessandro Stellino

Pochi e stentati gli applausi che hanno accompagnato i titoli di coda del film d’apertura del 72° Festival di Cannes, The Dead Don’t Die di Jim Jarmusch. Segno di una manifestazione che andrebbe ulteriormente svecchiata per non trasformarsi in un parterre di morti viventi.

ISREAL 2019:
INVISIBILE TESSITURA

Arianna Vietina

Tra i film premiati a IsReal, Zagros di Shahab Mihandoust e Ariane Lorrain omaggia l'antica tradizione della tessitura a mano che la comunità dei Bakthiari porta avanti nell'Iran occidentale, in un momento storico sempre più critico per le microeconomie locali.

ISREAL 2019:
UNA FIABA NOIR

Stefano Careddu

Una conversazione con Micol Roubini, in occasione dell'anteprima italiana di La strada per le montagne a IsReal: uno spunto familiare diventa occasione per un film che riflette sulla dimensione del racconto e sul rapporto con il reale.

ISREAL 2019:
KABUL, UN RITRATTO UMANO

Lea Pedri Stocco, Arianna Vietina

Intervista a Aboozar Amini, in concorso a IsReal col suo primo lungo documentario Kabul, City in the Wind: un film che è un ritorno al natio Afghanistan per trascendere la rappresentazione della capitale che i media hanno costruito negli ultimi anni.

ISREAL 2019:
IMPREVEDIBILE FUORICAMPO

Andrea Sanarelli, Marta Innocenti

Intervista a Yalda Afsah, vincitrice della quarta edizione di IsReal. Attraverso un linguaggio poetico e un'estetica surreale, il suo cortometraggio Tourneur conduce a una dimensione rituale e inaugura una trilogia sul rapporto ancestrale tra uomo e animale.

I MAGNIFICI 10: ROBERTO MINERVINI

Il regista di Che fare quando il mondo è in fiamme?, in sala dal 9 maggio, sceglie i dieci film che ne hanno segnato la formazione professionale e l'apprendistato cinefilo. Una lista incendiaria, che va da Barbara Loden a Masao Adachi e Rogério Sganzerla.