VENEZIA 77:
LAHI, HAYOP

Davide Perego

Lav Diaz torna con un film crudo ed essenziale, una narrazione ridotta all'osso, dove più che mai è possibile percepire la messa in scena teatrale dei suoi personaggi, enfatizzata dai lunghi dialoghi e dai loro movimenti nello spazio. A far da contraltare a questo scenario, le desolanti vite che gli esigui personaggi attraversano con il loro passaggio, e che riescono a trovare un senso solo nei gesti più estremi e violenti.

CANNES 72: ARCHITETTURE SOCIALI

Daniela Persico, Giampiero Raganelli

In concorso il geniale Parasite conferma Bong Joon-ho tra i più necessari indagatori del conflitto tra codice sociale e istinto primordiale; con The Halt, presentato alla Quinzaine des Réalisateurs, Lav Diaz proietta nel futuro prossimo le tensioni e l’eterna violenza materica cui le Filippine sembrano condannate.

LIBERTÀ DIGITALE

Renato Loriga

La rivoluzione del cinema filippino si inscrive nell'avvento del digitale, intorno a cui si radunano i valori di una giovane comunità cinefila capace di trasfigurare nelle forme più libere l'urgenza delle proprie domande.

VENEZIA 73: DIO GUARDA MA DORME ANCORA

Giampiero Raganelli

Leone d'oro, The Woman Who Left consacra il lavoro di Lav Diaz, luogo di ricostruzione di una storia delle Filippine ma anche di decostruzione del cinema stesso.