PARLIAMO
UN PO’ DI NOI

Gabriele Gimmelli

Conversazione con Alberto Saibene, tra gli autori di NOI. Milano 1968-1977, installazione multischermo presentata al Milano Film Festival che interroga gli anni delle rivolte studentesche e le ragioni del loro esaurimento nel primato del discorso individuale.

A PERDIFIATO,
DIETRO I TEMPI NUOVI

Gabriele Gimmelli

Enciclopedia fuori tempo massimo delle situazioni comiche, Questo pazzo, pazzo, pazzo, pazzo mondo di Stanley Kramer coincide con le inquietudini di un'epoca in trasformazione, che esige linguaggi nuovi.

MA LOUTE

Gabriele Gimmelli

Dumont trova nella farsa la forma più congeniale per raccontare una volta di più la paralisi di una società che, per quanto appaia assurda e delirante, risulta dopotutto impermeabile a qualsiasi cambiamento.

VENEZIA 73: C’ERA UNA VOLTA UN POMELLO OTTAGONALE

Gabriele Gimmelli

In Colombi, presentato al Festival di Venezia, Luca Ferri intreccia con equilibrio commedia e storia d’amore, aprendo i toni a un’inedita dimensione elegiaca che accresce la curiosità intorno ai percorsi del suo cinema.

RICORDANDO LORENZO

Gabriele Gimmelli

Un ricordo intimo di Lorenzo Pellizzari, scomparso ad agosto: libero e umano, acuto testimone della storia del cinema e della critica, ha sempre riconosciuto quel cinema "assoluto" che non ha epoche né età.

LA PAZZA GIOIA

Gabriele Gimmelli

L'ultimo film di Virzì vorrebbe essere tante cose: affresco di costume, fiaba, dramma famigliare, ma finisce per non esserne nessuna. Colpa delle ambizioni autoriali del regista e di una scrittura non all'altezza.

ABACUC

Gabriele Gimmelli

Il film di Luca Ferri sfugge a griglie interpretative troppo strette. Conviene piuttosto lasciarsi andare al suo fascino “primitivo”, all'incanto di una regia che sembra dimenticarsi di un oltre un secolo di storia del cinema.

MIA MADRE

Gabriele Gimmelli

Dopo Habemus Papam ancora un film sul tema dell'inadeguatezza per Nanni Moretti. Ma questa volta l'intimità del racconto non trova mai la giusta profondità e finisce per risultare estranea allo spettatore.

COME UN UCCELLO IN GABBIA

Gabriele Gimmelli

Con Anche gli uccelli uccidono, Robert Altman firma una delle sue opere più eccentriche e inventive: un apologo ilare ma amarissimo sulle contraddizioni della gioventù USA. Nel 1970 fu un flop, oggi è un piccolo cult.

IL GIOVANE FAVOLOSO

Gabriele Gimmelli

Il Leopardi di Martone è quanto di più lontano vi sia da uno spirito meramente contemplativo, dal “saccentuzzo”, dall'”eremita”. È invece furiosamente attratto dal mondo reale, dalla sua vastità, dal suo disordine.