QUALCOSA DI MOLTO PIÙ SERIO DEL VOYEURISMO E DELLA MANIPOLAZIONE

Allan King

King prende la parola per difendere se stesso e i propri film dalle accuse di sadismo e manipolazione mossegli dalla stampa canadese. Una risposta lucida e incisiva all'ipocrisia e ai falsi moralismi di giornalisti in malafede.

NETFLIX: IL CIRCOLO VIRTUOSO

Roger Smith

Un ex dirigente dell'industria dell'intrattenimento, cinefilo della vecchia guardia, racconta il suo rapporto con l'azienda online che ha messo a disposizione di 20 milioni di utenti oltre un secolo di storia del cinema.

PERCHÈ IL 3D NON FUNZIONA E NON FUNZIONERÀ MAI. CASO CHIUSO

Walter Murch

Scuro, piccolo, a scatti, alienante e dispendioso. Quanto ci vorrà prima che la gente capisca che non ne vale la pena? Il futuro del 3D secondo il montatore di Apocalypse Now e La conversazione: una disamina dettagliata e impietosa.

ALLA FINE DEL CINEMA, QUESTA COSA CHIAMATA FILM

Elena Gorfinkel

Light Spill, ultima opera di Sandra Gibson e Luis Recoder, evoca un cinema abbandonato, una tecnologia analogica lasciata a se stessa. La messa in scena del film come oggetto ineffabile, organico e inorganico, obsoleto e ostinato.

RITROVARE IL LINGUAGGIO DELLA RIVOLTA. INTERVISTA A KLOTZ/PERCEVAL

Daniela Persico e Alessandro Stellino

Nicolas Klotz e Elisabeth Perceval incontrano Filmidee: un'occasione per approfondire il senso della pratica cinematografica nella contemporaneità, la forza degli archetipi e i passi verso la rivoluzione.

LA COMUNITÀ, O QUALCOSA DEL GENERE

Santiago Fillol e Nicolas Klotz

Immagini e sensazioni di Nicolas Klotz a proposito di Low Life (2011), un'opera maestosamente bressoniana sulla perdita delle speranze di un gruppo di giovani alle soglie dell'età adulta. Con un'introduzione di Santiago Fillol.

VENEZIA 68: GROUND ZERO

Daniela Persico e Alessandro Stellino

Un bilancio finale per l'edizione della Mostra che meglio incarna gli otto anni della direzione Müller. Un composto panorama di autori, ricchissimo (forse troppo) di visioni, con una grande pecca: il cimitero degli elefanti italiani.

TUTTO CIÒ CHE È SOLIDO SI DISSOLVE

Alessandro Stellino e Daniela Persico

La critica cinematografica al tempo di Internet: i social network, i blog, le riviste online. Solo superando i pregiudizi sul Web si aprono nuovi spazi di incontro e di scoperta, oltre un cinema che non ha più bisogno di intepreti.

CITIZEN KANE INCOMPLETE

Luca Malavasi

In che modo è cambiato l'insegnamento del cinema "grazie" alla riforma universitaria e all'avvento di youtube. Cancellate gerarchie e storicizzazioni, il film è ormai una monade dalla traiettoria impazzita.