UNA CERTA IDEA
DI CINEMA AMERICANO

Giona A. Nazzaro

Con Good Time, i fratelli Joshua e Ben Safdie arrivano in concorso al Festival di Cannes: un cinema primario, il loro, inteso come immersione in luoghi e corpi, con una fortissima componente “documentaria”.

L’ACCABADORA

Giona A. Nazzaro

Pau racconta uno snodo cruciale della storia recente attraverso la forma di un cinema apparentemente fuori tempo massimo. Un cinema "classico" per mettere in scena un processo di mutazione in pieno svolgimento.

REVENANT – REDIVIVO

Giona A. Nazzaro

Un cinema, quello di Iñárritu, sostanzialmente esibizionistico, che si rifugia nella feticizzazione dell’arte intesa come unicità della performance, dove ci sono molte cose da guardare ma non se ne vede nessuna.

MEMORIE DI UN TEMPO OFFESO

Giona A. Nazzaro

Bella e perduta di Pietro Marcello è la struggente elegia di un territorio devastato. La storia del bufalo Sarchiapone diventa metafora di un'Italia degli umili, esclusi da ogni rappresentazione del presente.

IL VIRUS DRACULA E LA CIRCUITAZIONE ASSOLUTA

Giona A. Nazzaro

Blackhat di Michael Mann: lucido noir sulla smaterializzazione di tempo e spazio, dove ogni luogo è a portata di mano ma non c'è più nessun posto dove andare. Perché il mondo in cui viviamo non è più il nostro.

JÀ VISTO, JAMAIS VISTO

Giona A. Nazzaro

Kommunisten di Straub è mosso dal desiderio di dare forma al mondo, raccontandolo non attraverso la presunta neutralità delle immagini di repertorio ma tentando di fare del proprio archivio un’altra memoria.

CANNES 67/2: SOTTO IL SOLE DI SATANA

Giona A. Nazzaro

Con la ferocia liberatoria di P’tit Quinquin, Dumont rivela che “ognuno sta solo sul cuore della Terra” ma prima che sia “subito sera” si può forse provare a ridere della “insensatez” che ci divora.

IL DANDYSMO DELLA MANCANZA DI GUSTO, O DEL CONSENSO

Giona A. Nazzaro

Il critico portatore di consenso esibisce la propria limitatezza di gusto come una sorta di sofferta maturità estetica: analizza il film al contrario, a partire dalle sue presunte limitazioni e non per le sfide di cui si fa latore.

TRAMONTO DEI LUMI. BAGLIORI DI PRIMA LUCE

Giona A. Nazzaro

Trasformare alchemicamente i rifiuti in articolazioni del senso, una sorta di ultima e strenua resistenza del piacere e del gusto. Partendo dal film premiato a Locarno 2013, un inno in difesa del cinema "altro".

RESTA IN PIEDI CHI AMA

Giona A. Nazzaro

"Only Lovers Left Alive" è Il miglior film di Jim Jarmusch dai tempi di "Dead Man". Un inno alla difesa del gusto come articolazione dell'ultima resistenza. Perché se anche la fine è vicina, bisogna imparare a viverci dentro.